Tu sei qui: Home Lavoro FAQ FAQ Collocamento obbligatorio/Collocamento mirato lavoratori
Azioni sul documento

FAQ Collocamento obbligatorio/Collocamento mirato lavoratori

creato da lavoro
Info
ultima modifica 03/02/2012 09:51

1. Mi posso iscrivere al collocamento obbligatorio?
Al collocamento obbligatorio si possono iscrivere persone disabili disoccupate:
  • invalidi civili, con minorazioni "fisiche" "psichiche" e "sensoriali" e portatori di "handicap intellettivo" con una percentuale d'invalidità superiore al 45%;
  • non vedenti con cecità assoluta o cecità parziale (residuo visivo non superiore ad 1/10 ad entrambi gli occhi con eventuale correzione di occhiali);
  • sordomuti dalla nascita o prima dell'apprendimento della lingua parlata;
  • invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33%
  • invalidi di guerra, invalidi civili di guerra e invalidi per servizio con minorazioni comprese dalla prima all'ottava categoria di cui alle tabelle annesse al T.U. n. 915/78 e succ. modif.; o vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.
Si possono iscrivere anche persone appartenenti alle categorie protette (art.18 L.68/99):
  • orfani e coniugi superstiti di coloro che sono deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio e i figli o i coniugi di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio o di lavoro;
  • profughi italiani rimpatriati.
2. A che età mi posso iscrivere e fino a che età posso rimanere iscritto?
Per l'iscrizione occorre aver compiuto 16 anni di età ed aver assolto l'obbligo scolastico. Puoi rimanere iscritto fino al compimento del 65° anno di età; al raggiungimento dell'età pensionabile su richiesta puoi continuare a rimanere iscritto.
3. Sono disabile, quali documenti mi occorrono per l'iscrizione nelle liste?
Per richiedere l'iscrizione nelle liste del collocamento obbligatorio devi venire al Centro per l'impiego di competenza territoriale (rispetto al tuo domicilio) con i seguenti documenti:
  • documento di identità valido e codice fiscale.
  • Devi portare anche:
    • se sei invalido civile, cieco o sordo - il verbale per l'accertamento di stati di invalidità civile, cecità civile, sordità rilasciato dalla Commissione Medica dell'ASL, in originale o copia conforme (che contiene l'indicazione della percentuale di invalidità riconosciuta); il documento rilasciato dalla Commissione Medica, contenente la diagnosi funzionale. Quando richiedi la visita per l'invalidità civile, ti consigliamo di richiedere anche quella per la diagnosi funzionale per il collocamento obbligatorio;
    • se sei invalido del lavoro - il certificato INAIL attestante la percentuale di invalidità e la diagnosi funzionale;
    • se sei invalido per servizio o invalido civile di guerra - l'estratto di visita medica collegiale da cui risulti la disabilità e la categoria di pensione compresa tra la 1^e l'8^ ctg. e il periodo di concessione della pensione stessa e la diagnosi funzionale
4. Come posso certificare la mia invalidità?
L'accertamento dell'invalidità viene effettuato da Enti diversi a seconda del tipo di invalidità:
  • se sei invalido civile, sordomuto o non vedente, l'ente competente è una Commissione medica integrata istituita presso le ASL di competenza territoriale;
  • se sei invalido del lavoro, l'ente competente è l'INAIL;
  • se sei invalido di guerra, civile di guerra o per servizio, l'ente competente è un'apposita Commissione militare.
5. Cos'è la diagnosi funzionale?
La diagnosi funzionale è un documento scritto dalla Commissione medica integrata istituita presso l'ASL che indica:
  • insieme delle capacità della persona disabile utili per l'inserimento lavorativo;
  • la collocabilità lavorativa;
  • le indicazioni utili e le eventuali limitazioni per attuare l'inserimento lavorativo;
  • la natura della disabilità ( fisica, psichica o intellettiva);
  • la necessità o meno di particolare sostegno all'inserimento lavorativo.
La diagnosi funzionale è necessaria per rimanere iscritti nelle liste del collocamento obbligatorio.
6. A chi posso rivolgermi per richiedere la diagnosi funzionale?
La domanda per la visita per la diagnosi funzionale deve essere presentata all'INPS: tramite gli enti di patronato oppure tramite le associazioni di categoria dei disabili (ANMIC, ENS, UIC, ANFASS).
7. Se il verbale di invalidità che ho consegnato per l'iscrizione al collocamento obbligatorio è rivedibile, cosa devo fare?
Non appena sei in possesso del nuovo certificato, devi portarlo al Centro per l'impiego competente per mantenere l'iscrizione al collocamento obbligatorio.
8. Ho il 100% di invalidità civile, posso iscrivermi al collocamento obbligatorio?
Sì, ti puoi iscrivere anche con il 100% se nella tua diagnosi funzionale è previsto che tu possa lavorare.
9. Se nella mia diagnosi funzionale trovo scritto che sono non collocabile, cosa significa?
Se nella tua diagnosi funzionale, trovi la dicitura "attualmente non collocabile", significa che la Commissione medica ha ritenuto che tu non possa lavorare e quindi non puoi iscriverti al collocamento obbligatorio.
10. Una volta iscritto in che graduatoria vengo inserito?
Esiste una lista pubblica formulata secondo una graduatoria unica che raggruppa tutte le disabilità (non si hanno più, come nel passato, una pluralità di elenchi).
L'iscrizione presso queste liste è uno dei presupposti per l'inserimento lavorativo. La graduatoria viene formulata tenendo conto di tali elementi:
  • anzianità di iscrizione negli elenchi del collocamento obbligatorio;
  • condizione economica;
  • carico familiare;
  • percentuale di invalidità.
11. Che cosa si intende per "collocamento mirato"?
Si intende quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto, in modo da realizzare un inserimento proficuo tale da soddisfare da un lato le esigenze del soggetto e dall'altro le esigenze produttive dell'azienda.

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

3.0